Amped

Authenticate

Analisi e rilevamento delle alterazioni in immagini e video

Il software completo che permette di rivelare la cronologia di elaborazione di immagini e video digitali.

Consente di verificare l’integrità di immagini e video

Permette di identificare la cronologia dell’elaborazione subìta da immagini e video.

Rileva le aree manomesse per determinare l’autenticità dell’immagine o video.

Rende possibile identificare il dispositivo da cui ha origine un’immagine o un video.

Analisi e rilevamento delle alterazioni in immagini e video

Svela il processo di elaborazione di immagini digitali

Oggigiorno contenuti visivi e metadati possono essere facilmente alterati per generare dei falsi credibili. Tuttavia, ogni fase del processo di acquisizione e modifica di un’immagine lascia delle tracce caratteristiche riconoscibili sull’immagine stessa.
Amped Authenticate offre un pacchetto di potenti strumenti atti a sfruttare queste tracce e localizzare le aree manipolate stabilendo così se si tratti di un file originale, se sia inalterato e se provenga da un dispositivo specifico, o se invece sia stato falsificato utilizzando un software di fotoritocco, mettendo così in discussione la sua attendibilità come prova.

Svela il processo di elaborazione di video digitali

La modalità Video in Amped Authenticate rappresenta un notevole progresso nell’autenticazione di video digitali e va ad integrare la modalità Immagine già presente nel software. Si tratta infatti di una modalità separata di analisi, all’interno di Amped Authenticate, dedicata interamente ai video. Con essa, gli utenti possono coprire le varie fasi dell’autenticazione: possono, ad esempio, rilevare incongruenze, identificare il dispositivo sorgente, esaminare i dettagli di codifica a livello di macroblocco, etc.. La modalità Video include inoltre funzionalità come l’analisi visuale, l’esportazione dei video elaborati, l’integrazione con la modalità immagine e lo strumento informazioni Avanzate sui File.

Completo

Ammissibile in tribunale

Preciso Ripetibile Riproducibile

Genera un report scientifico adattabile al progetto in essere, garantendo in questo modo la riproducibilità e la chiarezza dei risultati.

In assenza di solide basi a supporto dell’affidabilità delle informazioni, le immagini digitali potrebbero essere messe in discussione se presentate come prove durante un caso o in un’aula di tribunale. È perciò fondamentale nelle indagini di oggi poter esaminare a fondo un’immagine e dimostrarne l’attendibilità e l'origine.

Approvato

All’interno del manuale utente di Amped Authenticate sono forniti i riferimenti bibliografici per ogni filtro. Lo stesso avviene nel report finale, ogni qual volta un filtro viene utilizzato. Authenticate infatti contiene filtri di autenticazione di immagini e video basati su decine di articoli e studi scientifici. In Amped, quando implementiamo un filtro, realizziamo una validazione sperimentale per verificare la corrispondenza con le prestazioni riportate in letteratura.

Autenticazione di immagini e video

Amped Authenticate aiuta analisti ed investigatori a chiarire i numerosi dubbi che oggi sorgono riguardo l’autenticità e l’integrità delle immagini digitali.

Slider icon
Slider icon
Slider icon
Slider icon
Slider icon
Slider icon
Slider icon

Il software viene utilizzato, tra gli altri, da esperti forensi in ambito digitale e da agenzie di intelligence in tutto il mondo.

Background image

Analizza immagini e video

Per prima cosa, il filtro Face GAN Deepfake individua i volti all’interno dell’immagine e utilizza poi l’IA per classificare ogni volto ed assegnarvi un punteggio da 0 a 1 secondo il grado di sicurezza. Se tale punteggio è superiore a 0.8, l’etichetta può riportare la scritta Autentico (colore verde) oppure Falso (colore rosso). 

Se invece il punteggio è inferiore, Authenticate avrà un approccio più cauto e scriverà Possibile Autentico o Possibile Falso.

Face GAN Deepfake

Scopri di più

I filtri della categoria Panoramica servono per effettuare una valutazione preliminare dell'immagine: consentono un esame visivo approfondito regolando i livelli, ingrandendo i pixel e mettendo a confronto eventuali immagini di riferimento. Inoltre il software, grazie al sistema di segnalazione automatica, analizza rapidamente gli elementi primari relativi al formato del file segnalando eventuali caratteristiche o metadati sospetti.

Questa categoria consente un’analisi approfondita dei metadati e delle proprietà di codifica di un’immagine: comprende filtri per l'analisi esadecimale, l’analisi bitstream di base o assistita, l'estrazione di Exif e altri metadati, l'analisi delle Tabelle di Quantizzazione JPEG e il confronto con il database interno di Amped Authenticate (con più di 16.000 tabelle da migliaia di modelli di telecamere e software). Inoltre è possibile verificare se l'immagine è stata scaricata da un social network come ad esempio Facebook, Flickr, Instagram, Whatsapp, Twitter e altri.

Ricostruire il processo di elaborazione dell'immagine è fondamentale per un'analisi forense approfondita. I filtri della categoria Analisi Globale sono in grado di rilevare eventuali tracce di compressioni multiple in JPEG e mostrarne la qualità, di mostrare gli artefatti generati da ridimensionamento, rotazione e zoom digitale, nonché di rilevare possibili tracce di modifica di luminosità o colori e di scoprire il rumore periodico tipico delle immagini che si ottengono fotografando uno schermo.

Ogni fotocamera produce un rumore distintivo in tutte le immagini che genera. Amped Authenticate è in grado di fare una stima di questo rumore utilizzando alcune immagini di uno stesso dispositivo, creando così un Modello di Riferimento della Fotocamera (CRP, dall’inglese “Camera Reference Pattern"). Si può quindi utilizzare il file CRP memorizzato per capire se un'immagine è stata scattata con un preciso esemplare di fotocamera. Quanto detto finora è valido anche nel caso in cui un'immagine sia stata lievemente compressa, ruotata di 90 gradi o più, ridimensionata o ritagliata.

È di fondamentale importanza essere in grado di localizzare le aree manipolate all'interno di un'immagine. Amped Authenticate offre molti filtri adatti a svolgere questa attività, basati su vari tipi complementari di analisi. Le tracce lasciate dalla compressione JPEG, gli artefatti dovuti agli algoritmi di interpolazione, l’analisi della coerenza del rumore a livello locale e la somiglianza sospetta delle zone clonate dell'immagine sono solo alcune delle caratteristiche utilizzate per generare mappe chiare e precise di localizzazione delle manipolazioni.

Authenticate ricerca gli artefatti lasciati da strumenti di generazione di immagini basati sull’IA, come ad esempio volti generati da una GAN (Generative Adversarial Network) o immagini generate da un diffusion model a partire da un prompt testuale (ad esempio, Midjourney, Dall-E, Stable Diffusion).

Uno degli aspetti più difficili da rispettare quando si falsifica un'immagine è la coerenza di luci, ombre e prospettiva. I filtri della categoria Analisi Geometrica aiutano l'analista forense a verificare la corrispondenza di questi elementi dal punto di vista tecnico. Questi filtri infatti sono molto efficaci nella post-elaborazione, poiché non si basano su tracce di compressione o acquisizione e sono adatti per le immagini di bassa qualità, come quelle provenienti dai social network. I filtri di Analisi Geometrica, inoltre, possono essere applicati anche a immagini scansionate o a singoli fotogrammi video.

Il filtro Analisi Visuale, della categoria Panoramica, consente un’analisi preliminare dei pixel video non elaborati, include la possibilità di regolare i livelli per una migliore analisi dei fotogrammi e permette di zoommare preservando l’integrità dei pixel. È possibile effettuare un’analisi più approfondita su un fotogramma di interesse utilizzando la Modalità Immagine di Amped Authenticate.

Consultare il pannello Informazioni Avanzate sul File permette di raccogliere una serie di metadati e informazioni riguardanti la struttura del file, che risultano utili per l’analisi dei file video. È possibile ad esempio verificare se i dettagli relativi al formato corrispondono al dispositivo o software che ha generato la prova video, per valutarne l’originalità. Utilizzando il calcolo hash dei fotogrammi si possono individuare rapidamente eventuali duplicati. Si possono, inoltre, ottenere informazioni avanzate sulle prove video anche eseguendo un’analisi dei fotogrammi oppure un’analisi GOP.

Per verificare se una prova video è stata acquisita da uno specifico dispositivo, è possibile confrontare il video in esame con un file PRNU CRP di riferimento. La procedura, basata su metodi scientifici convalidati, fornisce risultati molto precisi a condizione che il video non sia stato stabilizzato digitalmente.

L’analisi della compressione video consente di rilevare tracce di doppia compressione e di ottenere una stima della dimensione GOP della codifica precedente. La doppia codifica è infatti un importante indicatore per valutare l’integrità di un video. L’analisi dei macroblocchi consente di ispezionare il tipo di codifica e la quantità di compressione usata in ciascuna regione del video, unitamente ai vettori di moto associati.

Eseguendo un’analisi della continuità si possono individuare eventuali modifiche apportate localmente nel tempo. Il confronto dei fotogrammi mira a rilevare qualsiasi modello o dato statistico insolito (ad esempio, sequenze o fotogrammi clonati).
Sfruttare il rumore presente nel video permette inoltre di determinare se alcune porzioni provengono da dispositivi diversi.

Per gruppi di quattro o più persone incaricate dell’analisi video forense

L'abbonamento annuale comprende:

 

  • 1 postazione Amped FIVE
  • 1 postazione Amped Authenticate
  • 1 postazione Amped DVRConv
  • 5 postazioni Amped Replay

Dal nostro